Droni Professionali Su Amazon

Drone Con Telecamera

Drone Professionale per ripresee aeree

Mini Droni

Droni Economici

Frequently Asked Question

Come scegliere un drone?

Dopo aver fornito chiarimenti sul regolamento ENAC riguardo le norme per l’uso di droni, possiamo passare ad una rassegna delle caratteristiche principali da tenere in considerazione durante l’acquisto di questo tipo di prodotto.

  • Dimensioni e peso: come già accennato precedentemente, le prime differenze che distinguono un drone da un altro sono il peso e le dimensioni. Se non siete ancora esperti nel volo, è preferibile iniziare con droni economici e di piccole dimensioni. In questo caso, è preferibile optare per un mini-drone, così da esercitarsi anche in casa/cortile senza il rischio di danneggiare un prodotto costoso. La maggior parte dei droni, in caso di incidenti, può essere riparata ricorrendo a kit specifici acquistabili online. Nel caso di prodotti più economici, però, non ne vale molto la pena: in questa circostanza è meglio prevenire che curare (proteggete il vostro drone adeguatamente finché non migliorerete le vostre capacità di volo).
  • Autonomia: questo è il tallone d’Achille di ogni drone. La maggior parte dei droni non professionali hanno un’autonomia di 10-30 minuti per carica. Per questo motivo è raccomandabile acquistare un drone con batteria intercambiabile in modo da poter utilizzare batterie di riserva e usarle all’evenienza. Bisogna considerare anche che una maggiore potenza della batteria, ovvero una batteria con amperaggio maggiore, ha come conseguenza un peso maggiore. Quindi, tutto il drone risulterà più pesante. E’ importante anche informarsi sui tempi di carica, che a volte possono essere molto lunghi.
  • Altezza e distanza massima: tenendo in considerazione le norme ENAC sopracitate, prima di acquistare un drone è bene controllare anche l’altezza e la distanza massima che
Come Scegliere Un Esacottero?

Gli esacotteri possono considerarsi l’evoluzione dei quadricotteri. Questi droni, come si può intuire dal nome, possiedono sei motori e relative eliche, che permettono di aggiungere capacità e potenza al velivolo. Queste caratteristiche rendono l’esacottero la scelta ideale per chiunque voglia effettuare riprese aeree con telecamere costose. In sostanza, questa categoria possiede gli stessi vantaggi di un quadricottero, ma potenziati.
Sono tre le qualità degne di essere approfondite: potenza, altezza e sicurezza.

Potenza: questi droni riescono a volare più velocemente e sono maggiormente reattivi grazie ai due motori supplementari inclusi.

Altezza: questi UAV sono in grado di raggiungere un’altezza maggiore e con più facilitò rispetto ai quadricotteri.

Sicurezza: la maggiore sicurezza è garantita fondamentalmente dai sei motori (posizionati a 120° di distanza l’uno dall’altro). In che modo? Se un motore dovesse danneggiarsi e/o spegnersi, gli altri 5 corrono subito in supporto, prendendo il controllo della situazione (ridondanza supplementare). Ciò comporta la possibilità per il pilota di atterrare in sicurezza anche nel caso di guasto di uno dei motori. La stessa operazione sarebbe difficilissima, se non impossibile, per un drone a 4 eliche.
La sicurezza del velivolo non cambia anche nel caso fossero due motori a spegnersi.

Un esacottero ha anche la capacità di trasportare carichi maggiori. Ciò significa che si possono utilizzare telecamere più professionali e costose per le riprese, o aggiungere accessori più pesanti.

Ecco di seguito i “pro” degli esacotteri:
– potenza complessiva, velocità ed elevazione maggiori;
– maggiore sicurezza (data dalla presenza di motori supplementari);
– maggiore capacità di carico;
– facilità di manovrabilità e controllo.

I “contro” rispetto ad un quadricottero possono essere:
– prezzo maggiore;
– maggiore difficoltà di volo in spazi ristretti e indoor viste le maggiori dimensioni.

In generale, un esacottero rappresenta un buon compromesso tra prestazioni e prezzo. In questo caso lo svantaggio di un prezzo maggiore è compensato dalle eccezionali caratteristiche di volo.

Come Scegliere un Ottacottero?

Gli ottacotteri sono comparabili per prestazioni agli esacotteri, con la differenza però che questi sono ancora più potenziati. Si tratta di prodotti costosi che vengono impiegati per riprese aeree professionali. L’ acquisto di un ottacottero è consigliabile a operatori video professionali, perché offre prestazioni straordinarie.

Questi velivoli possiedono 8 motori e relative eliche, il doppio rispetto ai quadricotteri.

Tre sono le qualità portanti di questo multirotore: velocità, controllo e sicurezza.

Velocità: la velocità è di gran lunga maggiore rispetto agli altri APR.

Controllo: la capacità di controllo è maggiore, grazie alla minor sensibilità a vento e pioggia.

Sicurezza: nel caso di malfunzionamento di alcune eliche e motori il velivolo sarà ancora in grado di volare. Inoltre, la ridondanza supplementare ha come conseguenza la possibilità di aumentare il peso del carico trasportato.

Se le vostre aspettative sono quelle di utilizzare una camera costosa, sicuramente è consigliabile scegliere un ottacottero. Questi droni sono progettati per il volo e il loro controllo del motore e della stabilità non ha pari.

Ecco una sintesi dei “pro” di un ottacottero:
– velocità e agilità;
– capacità di raggiungere altitudini elevate;
– potenza estrema;
– capacità di sopportare il carico di fotocamere e attrezzature pesanti;
– sicurezza e stabilità.

Quali i “contro”?
– dimensioni (maggiori in confronto ad altri layout);
– costo maggiore;
– durata della batteria solitamente più breve (dovuto dal peso degli otto motori).

Il prezzo e la batteria sicuramente possono rappresentare un problema, specialmente considerando che modelli più recenti hanno tempi di volo di quasi mezz’ora (ormai è diventato lo standard cui i produttori puntano). Bisogna precisare però, che la durata totale della batteria dipende dal carico complessivo, dalle condizioni di volo e dalle operazioni che vengono effettuate in volo.

Come funzionano i sistemi di controllo?

I droni possono essere comandati principalmente in tre diversi modi.

  1. Controllo Bluetooth. In questo caso il raggio di azione è di 10-20 metri.
  2. Controllo tramite rete Wi-Fi. In questo caso il raggio di azione è di massimo 50 metri.
  3. Controllo tramite radiofrequenza. In questo caso la distanza massima varia in base al tipo di modello.
  4. Il comando Bluetooth e Wi-Fi rendono possibile il controllo anche tramite apposite app per smartphone. Per quanto riguarda i droni che hanno raggio d’azione maggiore di 50 metri, può essere utile l’uso di un supporto GPS, che consente al drone di orientarsi e raggiungere una determinata destinazione attingendo dalle coordinate satellitari.

Altre caratteristiche come la gestione automatica di decollo e atterraggio, e il mantenimento automatico dell’altezza di volo, invece, servono soprattutto per chi è alle prime armi.

  • Supporto alla videocamera: l’uso di droni è sempre più correlato alla realizzazione di riprese e foto. Per chi fosse interessato a questo tipo utilizzo, è fondamentale controllare le caratteristiche della videocamera integrata del drone, il tipo di risoluzione di foto e video ( ad esempio VGA, Full HD o 4K) e il tipo di stabilizzazione dell’immagine. Il sistema di stabilizzazione della telecamera è reso possibile grazie ad una piastra con ammortizzatori finalizzati ad assorbire le vibrazioni.
  • I droni più tecnologicamente avanzati, oltre al sistema di stabilizzazione della telecamera, possiedono anche uno strumento nominato “Gimbal” che fa sì che la telecamera si mantenga allineata sul suo asse. In questo modo si ottiene la massima stabilità delle immagini. Infine, i droni dotati di funzione FPV (First Person View) consentono di vedere le immagini in tempo reale. I droni più avanzati poi, permettono anche di comandare la videocamera in maniera indipendente dal velivolo.
  • Riprese Aeree: la funzione principale per cui molti droni vengono acquistati è quella di effettuare riprese aeree professionali. Fate sempre attenzione ai dati specifici di ogni drone. Assicuratevi che la qualità delle telecamera possa soddisfare le vostre esigenze.
  • GPS: i droni dotati di GPS sono “intelligenti”, nel senso che riescono a capire dove si trovano e dove devono andare. Questa funzione rende in grado i droni di seguire il pilota automaticamente e permettere di far ritornare al punto di partenza il veivolo nel caso in cui perdiate il segnale durante le operazioni.
  • LED: alcuni droni sono dotati di luci LED che aumentano la visibilità del velivolo e aggiungono un effetto “spettacolare” alle acrobazie.
  • Accessori: un ultimo (ma non meno importante) elemento che può indirizzare la scelta di un drone rispetto ad un altro è la dotazione di accessori. E’ possibile personalizzare, ad esempio alcuni droni in relazione all’utilizzo o le condizioni in cui si opera.
Come Scgeliere un Quadricottero?

I quadricotteri, ovvero i droni a quattro eliche, sono sicuramente i più diffusi sul mercato, poiché sono veloci, di facile produzione e non molto costosi. Le quattro eliche permettono al velivolo di sollevarsi dal suolo. Il layout è principalmente quadrato o rettangolare a quattro eliche.
Risulta evidente che il vantaggio dato dalle quattro eliche è quello di avere più potenza nella fase di decollo. Ciò permette anche di aumentare il carico complessivo del drone aggiungendo peso (tramite l’implemento di accessori o di una camera più pensante ad esempio).
Il design tipico dei droni di questa categoria viene spesso scelto dai produttori per diversi motivi. Da un lato, esso permette di facilitare la costruzione e la manutenzione, e dall’altra permette di trasportare vari kg di peso senza dover aumentare il costo del prodotto finito.

Ecco alcuni pro dei quadricotteri:
– costi di produzione relativamente bassi;
– sufficientemente potenti da poter aggiungere accessori;
– spinta e potenza maggiori rispetto ai tricotteri.

Esistono contro? Noi ne abbiamo individuato solo uno ovvero la potenza minore rispetto ad un esacottero o un ottacottero.

In conclusione, la facile reperibilità, il prezzo conveniente e la facilità di riparazione rendono i quadricotteri la scelta migliore per un hobbista.

Esiste una regola di acquisto generale?

E’ difficile capire qual è il modello più adatto alle proprie esigenze. In caso i dubbi fossero ancora numerosi, può essere utile tenere a mente i seguenti punti.

  • Quadricotteri: si tratta di modelli più economici, ma meno durevoli. Sono la scelta perfetta per principianti e non professionisti.
  • Esacotteri: adatti a semi-professionisti o hobbisti in cerca di un velivolo che dura nel tempo, con capacità di carico maggiori.
  • Ottacotteri: sicuramente il meglio della gamma. Hanno prezzi alti, ma hanno qualità inimitabili come potenza, velocità e stabilità. Le funzionalità avanzate e la

VUOI PARLARCI DEL TUO PROGETTO?

Parliamone insieme, scrivici le tue necessita’.
Ti risponderemo entro 24h. A Presto!